Archivi categoria: Cassa Italiana di Previdenza ed Assistenza dei Geometri

un articolo su FICO – parco espositivo alimentare – sul quale anche i geometri centrano

allego di seguito un articolo, che rimbalzava in rete, non tanto per entrare in una penosa disputa evidentemente politica la quale, benchè giustificata dalla pandemia, si sapeva sarebbe comunque stata un fallimento, ma per evidenziare i meccanismi di copertura finanziara publica che vengono descritti.

anche i collegi e la cassa dei geometri sono enti pubblici, benchè privatistici, e anche il mondo dei geometri ha partecipato ad investimenti quantomeno nell’urbanizzazione di Fico.così …per dire. e se si vuole …anche per sospettare.

di seguito l’articolo, fonte “quotidiano on-line Rimini 2.0”

I fratelli Raschi lasciano Fico, il Comune di Rimini insiste (coi nostri soldi)

“Purtroppo Fico ha visto interrompersi il suo sviluppo a causa della pandemia e in un momento come questo non ci è sembrato opportuno rinnovare il contratto in scadenza proprio nel periodo di cessata attività”. Lineare il ragionamento del gruppo Guido Srl che fa capo ai fratelli Gianpaolo e Gianluca Raschi. In base a questa semplice presa d’atto della realtà ha deciso di mettere la parola fine al “Mare di Guido” all’interno di Fico Eataly World e puntare sui propri locali riminesi.
Il Comune di Rimini, invece, continua ad investire in Fico i soldi dei riminesi. La news è quella che abbiamo pubblicato a gennaio: nonostante la pandemia, che ha avuto ripercussioni pesanti anche su Fico, l’amministrazione comunale ha rinnovato l’accordo anche il 3 marzo scorso, sganciando altri 24milae 500 euro, portando il totale della spesa, dagli inizi ad oggi, a favore del parco agroalimentare di Farinetti, a quasi 75mila euro.
La notizia è diventata una interrogazione in consiglio comunale, presentata dal consigliere di Fratelli d’Italia Carlo Rufo Spina, che ha avuto l’onore di ricevere una risposta di pugno dal sindaco Gnassi. Cinque pagine nelle quali divaga non poco, saltando dal Contry Index alla Food Valley passando per Al Meni e il turismo di prossimità.

Dall’inizio. «Come noto Fico Eataly World, ideato dall’imprenditore progressista, amico di ogni genere di sinistra, Oscar Farinetti, è in costante perdita di diversi milioni annui», ha argomentato Rufo Spina. «Lo stesso Farinetti, costantemente interpellato in merito alle deludenti performance della sua creatura, non manca mai occasione di sottolineare che “è un’attività, quella di Fico, che non prevederà mai guadagni, non chiediamo e non abbiamo finanziamenti pubblici”. Non comprendo però bene cosa intenda il Sig. Farinetti per “finanziamenti pubblici”. Evidentemente intende limitarsi ai finanziamenti inseriti a bilancio dello stato quali rinvenibili nella cosiddetta legge di bilancio approvata dalle camere a fine dicembre. Perché, diversamente, i soldi pubblici Fico li prende eccome, dato che gli enti pubblici, meglio se “amici”, i soldi pubblici dei contribuenti li stanno spendendo e nemmeno pochi». E ha aggiunto: «Tra questi comuni non poteva mancare quello di Rimini. Evidentemente Gnassi ha visto in Fico la gallina dalle uova d’oro per “intercettare nuovi flussi turistici”. «E’ così che a seguito dell’adesione all’accordo di collaborazione di cui alla delibera di giunta comunale n. 87/2017 è stato chiesto all’amministrazione comunale di essere presente all’interno del parco, con un desk promozionale dove promuovere tutte le opportunità turistiche culturali e storiche che offre il nostro territorio. L’accordo è stato rinnovato di anno in anno, nonostante i bilanci di Fico e l’arrivo della pandemia».
L’ultima determina dirigenziale copre anche tutto il 2020, nonostante il Covid abbia azzerato ogni attività commerciale. «Sospeso tutto tranne il soccorso rosso a Fico», sottolinea Spina. «Ci si chiede se davvero uno stand di 12 mq al costo di 25 mila euro l’anno rappresenta la chance imperdibile per la promozione turistica di Rimini. Soprattutto in un momento storico come l’attuale in cui le casse comunali sono desolatamente al verde». Il consigliere comunale concludeva la sua interrogazione chiedendo di «interrompere immediatamente, non rinnovare e al limite recedere subito da ogni forma di sponsorizzazione onerosa a carico del comune di Rimini in Fico».

Ma il sindaco Gnassi non la pensa allo stesso modo e non ragiona come il privato che gestisce i propri denari ed è costretto a fare delle scelte dettate da oculatezza.
«Lo studio più importante a livello internazionale (Futurbrand) che misura la forza di un brand Paese ci ha confermato pochi mesi fa (Contry Index 2020) che l’Italia ha un punto di forza unico al mondo che la colloca al primo posto tra le mete turistiche più ambite e desiderate a livello internazionale», attacca il primo cittadino nella risposta alla interrogazione di Spina. E poi via con il «grande tesoro» delle nostre eccellenze enograstonomiche, non sfruttato però. E allora ci hanno pensato Apt Servizi, le Destinazioni turistiche e il Comune di Rimini a «sviluppare progetti nel solco della Food Valley lungo la via Emilia, per intercettare nuove motivazioni di vacanza e la voglia del turista di coniugare l’identità del territorio con la conoscenza dei produttori e la magia di un piatto ineguagliabile». Tutti concetti che sulla carta potrebbero anche non fare una piega, se non fosse che la pandemia il turista l’ha reso ormai una specie in via d’estinzione e la ristorazione è stata soppressa dai ripetuti lockdown.
Segue la valorizzazione della Fabbrica contadina di Farinetti, «una scommessa di forte attrattività per il turismo» e quindi il sindaco comincia ad avvicinarsi al tema: «Per il territorio riminese che sta investendo da tempo impegno e risorse sulla filiera del food, anche come leva di attrattività turistica, essere presente a Fico, come nell’aeroporto Fellini e Marconi e negli asset principali per lo sviluppo dell’offerta di ospitalità, rappresenta un ulteriore passo nella più ampia strategia volta a rafforzare la presenza di Rimini e della sua Riviera negli hub di arrivo e partenza di viaggiatori, come aeroporti, stazioni, piattaforme logistiche, nonché una importante vetrina per la nostra piattaforma di soggiorno, con l’obiettivo di cavalcare il fascino dei nostri diversi territori attraverso prodotti unici, chef famosi nel mondo, attrattive ed eventi come Al Meni».
La questione, anche in questo caso, è però un’altra: se c’è qualcosa da cavalcare va benissimo partire al galoppo, ma se l’hub sul quale si decide di puntare si dimostra, al di là delle migliori intenzioni, un po’ debole, allora è meglio prenderne atto a indirizzare altrove l’attenzione e le risorse pubbliche. Perché di questo si parla, di denari dei cittadini, che bisognerebbe investire dove conviene davvero.

Il sindaco ribadisce che nei primi due anni di apertura Fico ha attratto visitatori. Ma poi? A parte che dopo il primo anno i problemi hanno già cominciato a manifestarsi, se si leggono le relazioni sulla gestione ai bilanci la verità emerge in tutta la sua chiarezza: «I visitatori “italiani fuori Bologna” e stranieri sono aumentati ma non abbastanza per sopperire alla perdita di presenze dei bolognesi, calati dopo il primo periodo di novità. L’analisi dei dati relativi ai visitatori ha mostrato un basso indice di fedeltà, seppur influenzato dai visitatori stranieri, per i quali solo il 7% è venuto a Fico più di una volta. La maggior parte dei clienti persi sono bolognesi, che calano del 32%».
Fico è stato sostenuto a spada tratta dal sindaco di Bologna Virginio Merola e dal presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, quindi dal sistema politico oltre che da quello della cooperazione emiliana. A cascata i territori a guida Pd hanno fatto la loro parte per portare un po’ di acqua al mulino di Farinetti.
Nel 2017, spiega Gnassi, Fico è stato generoso col Comune di Rimini, mettendo gratuitamente a disposizione i famosi 12 mq. Ma il parco è stato inaugurato il 15 novembre 2017, quindi si è trattato di un omaggio davvero piccolo. Poi dal 2018 il Comune ha pagato (Iva inclusa) poco meno di 25mila euro. «La tariffa richiesta al Comune di Rimini per le tre annualità a pagamento risulta inferiore a quella normalmente praticata all’interno del parco e comprende tutta una serie di servizi (energia elettrica, sorveglianza e assistenza video)», prosegue Gnassi. Che non fornisce dati concreti e dettagliati per valutare l’effettiva efficacia dei tre anni trascorsi a Fico.
Però, conclude, «a causa della chiusura del parco agroalimentare dovuta all’emergenza sanitaria da Covid 19, la società Eataly World srl ha concesso l’utilizzo gratuito dello spazio per tutto l’anno 2021 e sino al 9 gennaio 2022». Magra consolazione, visto come sta andando anche questo inizio di 2021 e come, prevedibilmente, trascorreranno i prossimi mesi, fra zone gialle e arancioni, speriamo anche non rosse.

 

Cassa Geometri – la Cassazione conferma la potestà regolamentare della Cassa in materia iscrittiva

di seguito la sentenza della cassazione del 19/02/2021 n 4568 della quale si fa riferimento nell’articolo della cassa geometri

sentenza della cassazione del 19022021 n 4568 a favore della cassa geometri

questo l’artico della cassa geometri

Roma, 23 febbraio 2021– “Con una sentenza dello scorso 19 febbraio, la Corte di Cassazione, superando il proprio precedente orientamento, ha finalmente confermato la potestà regolamentare della Cassa in ordine ai criteri iscrittivi ha dichiarato il Presidente della Cassa Geometri, Diego Buonosposando la tesi che da sempre la Cassa sostiene, ossia che l’iscrizione all’albo professionale sia condizione sufficiente per rendere obbligatoria l’iscrizione alla Cassa, anche quando la professione sia svolta in maniera non continuativa”.

Con sentenza n. 4568/2021, la Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ha affermato la legittimità delle norme relative all’iscrizione alla Cassa degli iscritti all’albo e al pagamento dei contributi minimi a prescindere dal reddito, ritenendo che le stesse siano la legittima espressione di esercizio dell’autonomia regolamentare della Cassa all’esito della sua privatizzazione.

Superando il proprio precedente orientamento, espresso con sentenza n. 5375/2019, e effettuando una ampia ricostruzione dei principi di diritto, il Giudice di legittimità ha statuito che “l’iscrizione all’albo professionale è condizione sufficiente al fine dell’obbligatorietà della iscrizione alla cassa, e l’ipotetica natura occasionale dell’esercizio della professione è irrilevante ai fini dell’obbligatorietà dell’iscrizione e del pagamento della contribuzione minima. Ne deriva, secondo la Corte, che per i soggetti tenuti all’iscrizione alla Cassa non rileva la mancata produzione effettiva di reddito professionale, essendo comunque dovuto un contributo minimo, e ciò in ogni caso e anche nell’ipotesi di dichiarazioni fiscali negative.

Si tratta di un arresto fondamentale – prosegue il Presidente Buono – perché per la prima volta la Cassazione entra nel merito dell’attività che la Cassa svolge per contrastare l’elusione contributiva e la concorrenza sleale nei confronti di chi versa regolarmente la contribuzione, facendo finalmente chiarezza”.

 

 

nuovo servizio di GEOWEB S.p.A. ESPERTO PREGEO

DESCRIZIONE

Il servizio consente l’accesso al portale Esperto Pregeo di GEOWEB, per richiedere informazioni e supporto durante le fasi di predisposizione degli atti di aggiornamento del catasto terreni. L’utente può trovare una risposta autorevole a quesiti inerenti a:

  • progettazione dell’atto di aggiornamento (richiesta estratti di mappa, Punti Fiduciali ecc.);
  • individuazione del tipo di atto più opportuno per conseguire l’aggiornamento richiesto;
  • problematiche inerenti al rilievo topografico ed al calcolo dei risultati
  • formazione del libretto delle misure e della proposta di aggiornamento;
  • dematerializzazione dell’atto di aggiornamento.

NOTE

Il servizio si avvale della supervisione dell’ing. Donato Tufillaro.

 

ing. Donato Tufillaro. in quanto consulente compare, giustamente, con esposizione di CV nel sito di geowb.

curriculum ing Tufillaro

Nel periodo tra gli anni 1987 e 2019 è stato dipendente della Sogeidi Roma nella quale si è occupato del processo di informatizzazione del catasto, …..

Ha collaborato alla progettazione ed alla realizzazione della costituenda rete di stazioni permanenti per la misura di precisione dell’Agenzia del Territorio. …e d’altra parte (frase mia) ci doveva essere un perchè del fatto che, dopo 20 anni di mutuo a spese dei geomtri emiliani romagnoli, si decidesse di chiudere la fondazione geometri emilia romagna, la cui funzione principale era quella di avere una rete gps di precisione. qui gatta ci cova.

Membro del comitato scientifico della rivista italiana di geomatica (GeoMedia –Maggioli Editore)

dice di essere stato dipendente della Sogei, ente pubblico (credo), dal 1987 al 2019. poi elenca un estratto di lavori a carattere prettamente catastale e topografico eseguiti nel periodo2000-2019 (quando era dipendente pubblico), che chiama professionali (non so se fatti in libera professione o in società o per conto di Sogei in qualità di dipendente) (discorsi che vorrei tanto sviluppare) di quantità e qualità ragguardevoli. da svolgere in gruppo o in associazione. io mi levo il cappello per le capacità, ma questo mondo, e per prime le professioni tecniche, vanno riformate. c’è gente che riesce a fare tutto, altri costretti a versare soldi obbligatoriamente in geoweb e a pagare i minimi pensionistici.