cassa geometri (ex cipag) invia lettere ai morosi per comunicazione esclusione polizza sanitaria unisalute

egregio geometra, il comitato dei delegati ha deciso, per ragioni di equità, di escludere chi ha una consistente morosità dalla tutela sanitaria integrativa che la cassa assicura ai propri iscritti. ciò al fine di evitare che il costo degli strumenti di welfare sia sopportato unicamente da coloro che pagano regolarmente i contributi.

conseguentemente le comunico che – tenendo conto della morosità sulla sua posizione assicurativa – è stato escluso dall’assicurazione sanitaria integrativa per la annualità decorrente dal giorno……

le segnalo che è sempre possibile sanare la morosità pendente, anche rateizzando qualora ne sussistano i requisiti, e riaccedere così, anche in corso d’anno, alla copertura assicurativa

Antitrust risponde ad APE in merito all’obbligatorietà dell’RTI nelle compravendite

a seguito di segnalazioni ricevute (tre le altre quella di APE) in merito all’RTI (relazione tecnica integrata) o relazione di rispondenza edilizia e conformità catastale, l’Antitrust AGCM scrive al Consiglio Notarile di Bologna e p.c. agli ordini e collegi, tra gli altri quelli che hanno siglato l’accordo per l’istituzione dell’RTI. qui la lettera inviata (risposta Garante).

…tale iniziativa potrebbe porsi in contrasto con la normativa a tutela della concorrenza laddove codesto Consiglio Notarile non si limiti a consigliarne l’utilizzo, ma ne richieda obbligatoriamente l’adozione da parte dei notai con modalità attuative uniformi, in quanto in tal modo verrebbe limitata l’autonomia dei singoli professionisti nel definire il livello qualitativo della propria prestazione. Si evidenzia, inoltre, che al fine di non incorrere in possibili violazioni della normativa antitrust è necessario che venga lasciata alla libera determinazione delle parti la definizione di tutti gli aspetti economici sottesi alla formazione della Relazione in oggetto.L’Autorità, pertanto, auspica che le osservazioni sopra esposte vengano tenute in considerazione nell’attuazione dell’iniziativa in oggetto, anche attraverso una adeguata informazione a tutti gli iscritti e inviata a comunicare le determinazioni assunte con riguardo a quanto evidenziato nelle suesposte osservazioni.

 

criticità cassa esposte da geomobilitati e invito alla manifestazione 26 febbraio

GEOMOBILITATI

Prot. n. 03/2019

Monza, 02 Febbraio 2019

Al Presidente, ai Consiglieri ed ai Delegati

della Cassa Geometri

cipag@geopec.it

Al Presidente ed ai Consiglieri

(in carica e/o subentrandi)

del Consiglio Nazionale dei Geometri e G.L.

cng@geopec.it

Ai Presidenti ed ai Consiglieri

dei Collegi provinciali dei Geometri e G.L.

Loro indirizzi di posta elettronica

A tutti i Soci di Geomobilitati

Loro mail/pec

A tutti i Geometri

Loro mail/pec

Ai Mezzi d’Informazione

Loro indirizzi di posta elettronica

p.c. ai Ministeri Vigilanti:

Al Ministero della Giustizia

capo.gabinetto@giustiziacert.it

Dipartimento per gli affari di giustizia –

Direzione della giustizia civile.

Ufficio III » Reparto II – Libere professioni

prot.dag@giustiziacert.it

Al Ministero del Lavoro

dgprevidenza@pec.lavoro.gov.it

Al Ministero dell’Economia e delle Finanze

mef@pec.mef.gov.it

 

 

Oggetto: CRITICITÀ DEL SISTEMA PREVIDENZIALE CASSA GEOMETRI

Considerate le criticità sotto-elencate:

  • Ultra decennale crisi economica del settore delle costruzioni che non accenna a diminuire, a cui i

vertici dI CG e CNG non hanno saputo contrapporre concrete proposte di rilancio e sostegno per la

categoria;

  • Calo demografico della categoria dovuto a: minori opportunità di lavoro per i motivi di cui al punto precedente, all’aumento esponenziale dell’offerta formativa scolastica superiore, alla trasformazione in CAT degli ITG, alla prossima richiesta del requisito della laurea triennale per l’iscrizione all’albo dei Geometri e GL;
  • Crescente spesa per l’erogazione delle pensioni a cui siamo stati chiamati a rispondere illimitatamente nonostante la crisi decennale, aggravata dal regime transitorio 2014-2019 approvato in danno alle nuove generazioni;
  • Patrimonio insufficiente rispetto ai parametri attuariali richiesti nel piano di sostenibilità cinquantennale già al 31/12/2014 (ultimo disponibile), ciò nonostante viene eroso annualmente nelle immobilizzazioni per le necessità legate alla spesa corrente, con la conseguente compensazione di aumento del carico contributivo;
  • Travaso del patrimonio immobiliare in fondi chiusi di dubbia gestione che sino ad oggi hanno portato minusvalenze pari a circa 51 Mln di €, con particolare riferimento al fondo FPEP gestito dalla Investire SGR di cui CG è azionista al 7,7%, sul quale è previsto che confluirà la quasi totalità del patrimonio immobiliare nel prossimo triennio;
  • Investimenti mobiliari oltre il confine, mediante la sottoscrizione di un fondo chiuso di diritto Lussemburghese di dubbia gestione con la Quaestio Capital SGR SpA di cui CG è azionista al 18%, a cui è stata affidata l’intera liquidità patrimoniale di circa 900 Mln, esponendo l’Ente a rischi incalcolabili sotto ogni profilo, nonostante su tale somma siano fondate le pensioni degli iscritti;
  • Costi di amministrazione lievitati del +33% nell’ultimo biennio;
  • Prospettive pensionistiche deprimenti a fronte di 40 anni di contribuzione, per molti inferiori a quelle sociali rivalutate ultimamente dal governo in carica, lo stato dovrà essere chiamato in causa per la sua funzione di autorità garante e sovrana, malgrado in passato abbia emanato leggi “inique” che hanno penalizzati noi cittadini professionisti, con debenza di imposte (che si manifestano in una doppia e iniqua tassazione);
  • Situazione di cassa fuori controllo, dove il 23/11/2018 viene approvato un bilancio di previsione 2019 con l’aliquota del contributo soggettivo al 15% invariata rispetto all’anno precedente, il 13/12/2018 viene approvato un innalzamento al 18%, (+20% rispetto al 2018), manovra vessatoria che sconfessa la previsione di bilancio 2019 fresca di approvazione, dopo appena 3 settimane.
  • Mancata trasparenza nella gestione del patrimonio, nell’affidamento degli incarichi professionali, delle assunzioni e degli appalti;

Queste criticità hanno determinato la situazione fallimentare ormai sotto gli occhi di tutti. In nome dell’autonomia, attraverso misure vessatorie, l’intera categoria è stata costretta a far fronte alle esigenze di cassa con ripetuti e gravosi aumenti contributivi: +100% nell’ultimo decennio, ben al disopra di ogni parametro sostenibile e nonostante il perdurare della crisi e senza eguale raffronto in nessuna altra cassa previdenziale sia pubblica che privata. Gli aumenti si distaccano di un +70% rispetto a INARCASSA ed un +130% rispetto a EPPI, ovvero delle casse professionali previdenziali della nostra diretta concorrenza, con le quali categorie è sempre più difficile essere competitivi a causa della eccessiva e penalizzante richiesta contributiva. Tali condizioni hanno determinato la chiusura di molti studi tecnici, la forte percentuale di morosità contributiva e fiscale e tutto questo ha minato la serenità professionale ed economica delle famiglie degli iscritti, anche tra i veterani solidamente presenti sul territorio.

Pertanto, la nostra Federazione auspica al più presto le DIMISSIONI del CdA in carica per comprovata inadeguatezza amministrativa e, visto e considerato che attraverso vari refusi elettorali amministra l’Ente da oltre 10 anni, in tal senso dovrà esser rivisto URGENTEMENTE IL SISTEMA ELETTORALE che dovrà garantire maggiore trasparenza nei confronti della base, di cui il CNG in insediamento si dovrà fare carico. Solo attraverso questa radicale misura si potrà avviare una seria ristrutturazione dell’Ente e qualora non fosse sufficiente aprire una trattativa con i ministeri competenti al fine di decretare il passaggio al sistema pubblico dell’INPS dove le garanzie saranno quelle offerte dallo Stato Italiano ed i rischi settoriali e generazionali saranno mediati con le altre categorie e non con i risparmi degli iscritti come avvenuto sino ad oggi.

Comunicandovi quanto sopra, rendiamo noto che E’ INDETTA PER MARTEDI’ 26 FEBBRAIO 2019 A ROMA UNA MANIFESTAZIONE CONTRO L’INIQUITA’ DEL SISTEMA PREVIDENZIALE DEI GEOMETRI E A DIFESA DELLA CATEGORIA. La concentrazione dei partecipanti è stabilita in Piazza del Popolo, a partire dalle ore 9,00 . Affinché la protesta per la malagestione della nostra Categoria, per gli insostenibili aumenti dei contributi previdenziali già adottati e per quelli futuri che ci potrebbero essere, non resti confinata alle sole critiche, è necessario che la Base e tutti quei Dirigenti “liberi” e maggiormente sensibili che tengono davvero alla propria Categoria ed al proprio lavoro si Geomobìlitino e partecipino alla Manifestazione di Roma o quantomeno si attivino nel proprio territorio per coinvolgere gli Iscritti. Auspichiamo pertanto che anche gli stessi Collegi Provinciali organizzino la partecipazione alla Manifestazione del 26/02/2019.

Il Consiglio Nazionale di Geomobilitati

Il Presidente

f.to Giovanna Geom. Pogliani

il consiglio di disciplina ci ha messo un anno per non rispondermi

nella lettera inviata a tutti gli iscritti per la mia candidatura ponevo una riflessione in merito all’operato del collegio in rapporto all’art. 7 del nostro regolamento del 1944. potrebbe sembrare che, secondo tale articolo, molte delle operazioni che svolge il collegio, che più o meno direttamente finanziamo anche noi con la retta annuale, dovrebbero essere illegali (nel senso che il collegio non potrebbe chiedere compensi per tali operazioni). a tutt’oggi, io non saprei cosa pensare.

essendo contrario a molte delle “partecipazioni” dal collegio, soprattutto per la netta, se non totale, mancanza di trasparenza di rendicontazione del denaro e dei contenuti, e volendo in qualche maniera trattare l’argomento con i molti iscritti poco partecipativi, informandoli, con la mia lettera, del contrasto con l’art.7, ho cercato di premunirmi dal punto di vista deontologico forzando un parere preventivo al consiglio di disciplina del mio collegio, ma non ci sono riuscito.

era il 02/11/2017 quando ho inviato una pec all’indirizzo consigliodisciplina.bologna@geopec.it  della quale non posso pubblicarne l’intero testo integrale perché ricco di nomi, di richiami e di ipotesi che potrebbero offendere qualcuno e insinuerebbero concetti che non avrei voglia di dimostrare. riporto in fondo il testo le cui parti mancanti non fanno venire meno alla comprensione dello stesso.

il 16/11/2018 non avendo ancora avuto nemmeno una risposta, tipo “crepa”, e trovandomi alla riunione di bilancio con 4 componenti del consiglio di disciplina, non ho potuto fare a meno di chiedere spiegazioni di tale ritardo. insomma ….uno dei consiglieri prende a cuore la mia richiesta …mi dice di non sapere …di non aver mai sentito del mio caso …mi chiede di inviargli copia del quesito ….e ne parla nella seduta successiva. smuove le acque.

il 10/12/2018, un anno dopo, mi arriva la seguente risposta in PEC:

Gent.mo Geom. Savini,
in riferimento a Sua PEC del 2 novembre 2017, siamo con La presente a ComunicarLe che questo 
Consiglio di Disciplina non esprime pareri ma esamina esposti circostanziati nei confronti degli iscritti.
Cogliamo il motivo per scusarci del ritardo nella risposta causata dai disguidi dovuti ai noti avvicendamenti del …….
omissis (ho omesso io perché è un riferimento ad una persona)
Distinti saluti, Il Consiglio di Disciplina 

…a prescindere dal fatto che si era detto che, appartenendo alla stessa “famiglia” e non volendo generare disparità o tenere le distanze, ci si dava tutti del TU …..

mi permetto di obiettare ….nel testo della e-mail vi erano abbondanti richiami e frasi esplicite che circostanziavano il contenuto della mia richiesta ….semmai …vorreste avere i documenti anche voi….che è proprio la mancanza che lamento anch’io. un contenuto così particolare, così forte e così significativo, non solo meritava una risposta, ma doveva essere esame di riflessione approfondita …..in primis proprio da voi della disciplina.

bei tempi quando si “tirava su” il telefono e si diceva: vediamoci, che ne parliamo!!! …c’era più umanità.

questa la pec che, non essendo un esposto circostanziato, non è degna di una risposta:

 

Egr.gi Presidente e Consiglieri del Consiglio di Disciplina del Collegio dei Geometri di Bologna,

mi chiamo Andrea Savini e sono uno dei circa 1.400 iscritti del Collegio di Bologna (n°3118). Ho necessità di interpellarvi per chiedere un parere preventivo che provo a dettagliare di seguito al meglio delle mie possibilità.

Mi occupo da tempo di comprendere i meccanismi e le funzioni della Fondazione Geometri E.R., a mio avviso non troppo chiari, poco divulgati, poco discussi e mai approvati direttamente dall’iscritto. Ho posto qualche quesito ai presidenti (Collegio e Fondazione) in più occasioni, ho richiesto accesso agli atti che mi sono stati in parte impediti, ho recuperato documenti da altri uffici, ho verbalizzato il mio parere e alcune richieste in occasione della riunione di bilancio del 25/11/2016 sul quale, in replica, è stato detto che si sarebbe proceduto con la pubblicazione sul sito (suppongo delle Fondazione) del bilancio. Mi sarebbe piaciuto che la pubblicazione avvenisse prima della fine del debito che pesa da tanti anni sulla Fondazione stessa, perché possa rimanere traccia delle caratteristiche dello stesso. La Fondazione, o il solo Collegio di Bologna-non è chiaro, è infatti ancora indebitata per l’acquisto della ex Soger di tanti anni fa. Più volte mi sono chiesto quanto sia giusto che un Collegio abbia debiti così sostenuti, se sia giusto che i debiti di un Consiglio pesino sui Consigli successivi, anche se di fatto molti componenti sono stati rieletti.

Ad oggi non vi è traccia, sui siti, dei bilanci della Fondazione, nonostante mi pare che le disposizioni Anac e lo stesso regolamento di trasparenza del Collegio ne impongano la pubblicazione. 

La Fondazione dalla sua creazione, come primo impegno finanziario, si è occupata della “rete geodetica”. Io non mi occupo di topografia o quantomeno non direttamente. Nonostante ciò e per volere di scelte di Consiglio, è pesato anche su di me l’enorme impegno di sorreggere la Fondazione. Per usufruire dei servizi che offre la “rete” il geometra iscritto deve pagarli, è infatti gratuito un solo tipo di accesso che di fatto non permette di lavorare in campagna. Viene però concesso l’accesso gratuito a diversi enti pubblici attraverso ad una serie ampia di licenze date per rappresentanza. Non mi è stato possibile sapere se tali accessi sono regolamentati da accordi di non utilizzo lavorativo e/o remunerativo, né sono a conoscenza di dove possano essere depositati tali accordi. Inoltre, vengono forniti ad enti pubblici, o di natura più complessa, una serie di dati utili a studi e monitoraggi. ……………..      …….Stringendo il concetto, io la pago, ne pago l’utilizzo, altri la usano gratis. E’ ambiguo il concetto di rappresentanza che si utilizza nel donare tali benefici. Io comunque non ho avuto reali benefici, almeno dalla rete, né avevo scelto di essere indebitato per lavoro, ma mi ci sono trovato obbligatoriamente per scelte altri.

Chiesi un giorno al P. del C.. ….. se, nel caso smettessi di pagare la quota spettante alla Fondazione (5,36 € per iscrizione e 7,00 € mutuo rete), mi avrebbe “cancellato dall’Albo”. Mi rispose che non lo avrebbe fatto lui, ma il Consiglio di Disciplina.

Rammento l’art.7, del nostro regolamento, D.Lgs.Lgt. 23 novembre 1944, n. 382: “Il Consiglio provvede all’amministrazione dei beni spettanti all’ordine o collegio e propone all’approvazione dell’assemblea il conto consuntivo ed il bilancio preventivo. Il Consiglio può, entro i limiti strettamente necessari a coprire le spese dell’ordine o collegio, stabilire una tassa annuale, una tassa per l’iscrizione nel registro dei praticanti e per l’iscrizione nell’albo, nonché una tassa per il rilascio di certificati e dei pareri per la liquidazione degli onorari. Ferma rimanendo l’efficacia delle norme che impongono contributi a favore di enti previdenziali di categoria, nessun pagamento, oltre quelli previsti da questo decreto, può essere imposto o riscosso per l’esercizio della professione a carico degli iscritti nell’albo.”

Anche se comprendo che vi siano altre leggi che regolano il nostro settore, rammento che tale norma è ancora vigente e lo è soprattutto il principio in essa contenuta. Non gradisco l’iscrizione alla Fondazione imposta all’interno della quota associativa che mi trovo obbligato a pagare pena l’impossibilità di lavorare. Per me dovrebbe essere facoltativa in quanto servizio, oppure proporzionata al reddito, come nella logica dei servizi che ti offre lo stato.

Non da meno, mi è anche poco gradita l’eventualità di potermi trovare coinvolto in possibili, ma non auspicabili, vicende non gradevoli che potrebbero manifestarsi a causa …  ..…..utilizzo dei benefici elargiti agli enti, …………………………….e alla continua forzata presenza della discussa banca ……………

Per una questione di principio, di correttezza, di poco utilizzo e di deresponsabilizzazione, CHIEDO a questo illustre consiglio il seguente parere preventivo:

– nel caso detraessi, dalla prossima retta annuale di iscrizione al Collegio, i 5,00 € di iscrizione alla Fondazione e/o i 7,00 € di mutuo “rete”, sarei passibile di qualche provvedimento disciplinare? E quale?

Grazie

Ossequio

Geom. Andrea Savini

assemblea bilancio preventivo 2019

il 16/11/18 si è tenuta l’assemblea di bilancio preventiva per l’anno 2019. diversi gli episodi da narrare, alcuni degni di approfondimento, oltre al fatto che il presidente ha annunciato di non ricandidarsi.

al di là del mio solito voto contrario, ha votato contro anche l’illustre geom. Leonardo Gualandi. forse era capitato un’altra volta in passato. si è invece astenuto il geom. Giorgio Sanna, del quale rammento altri voti di astensione. qualcuno penserà che è poca cosa, ma non lo è! ….se si pensa che su 33 presenti, 12 erano membri del consiglio, che il bilancio e le scelte di politica di categoria se le fanno e se le votano, due voti contro e un’astensione sui rimanenti 21 votanti, tendenzialmente amici del consiglio, non è assolutamente cosa da poco.  

ho atteso a commentare questa riunione, benché ricca di argomenti, perché attendevo la pubblicazione del verbale per i dati consueti e per vedere se, come avevo richiesto in assemblea, fossero state allegate le “diapositive” del resoconto degli enti “collegati” al collegio dei geometri. così è stato …molto bene!

mi spiego meglio:

avevo inviato a tutti gli iscritti, i primi del mese di ottobre 2018, una lettera con la quale chiedevo il voto alle imminenti elezioni del consiglio. tra i vari contenuti della missiva, vi era un richiamo alla rubrica che sto costruendo da anni (……), contenente l’infinito elenco degli enti, società, soc partecipate, fondazioni, progetti ecc. che fanno parte o che sono collegate alle nostre istituzioni. combinazione vuole che qualche settimana dopo, durante l’assemblea di bilancio, il presidente abbia divulgato (o concertato ….come si dice in gergo) una diapositiva contenete l’elenco dei “tavoli”, delle rappresentanze territoriali, dei progetti scolastici e di formazione continua in corso o eseguiti, quasi a voler pubblicare per la prima volta la mancanza che avevo lamentato nella mia e-mail inviata a tutti gli iscritti.

Elenco di seguito il tutto, perché si trovi on line e non rimanga nascosto in qualche file .pdf non “googlabile” e riporto il file scaricato dal collegio. slide

Politica di Categoria
Tavolo Consultivo Regionale per il Governo del Territorio
Tavolo Consultivo Regionale sulla Libera Professione
Tavolo Consultivo Regionale per l’accesso al credito agevolato per imprese, lavoratori autonomi e liberi professionisti
Tavolo Interprofessionale A.d.E. – Territorio Bologna
Tavolo Interprofessionale CCIAA
Percorso di Costruzione Piani di Azione per l’Energia Sostenibile PAES
Piani per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche PEBA
 
Rappresentanze Territoriali
Federazione Geometri e Geometri Laureati dell’Emilia-Romagna
Fondazione Geometri e Geometri Laureati dell’Emilia-Romagna
Comitato Unitario delle Professioni Intellettuali degli Ordini e Collegi Professionali dell’Emilia-Romagna
Consiglio di Amministrazione Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri
Comitato Delegati – Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri
Scuola e Orientamento alla Professione
Georientiamoci – Una rotta per l’orientamento
Geolab – CAT Geometri
Open Day Istituti Tecnici CAT
Festival Cultura Tecnica
Corso Alternativo al Tirocinio
 
Formazione Continua
Seminari e Corsi di Formazione
Corsi Abilitanti e di Mantenimento Abilitazioni Regolamentate
Riconoscimenti Premiali e Monitoraggio Obblighi Formativi
 
Riorganizzazione attività di Segreteria
Avvicendamento del Personale
Standardizzazione Gestione Informatica
Riduzione Pianta Organica
Potenziamento Servizi Cassa Decentrati
Adeguamento ai nuovi Standard per la Protezione dei Dati

 

prima di narrare un altro episodio, devo anticipare la seguente spiegazione.

il giorno dell’assemblea viene apposto un foglio, all’ingresso, sul quale ci si deve registrare. in teoria il foglio attesta le presenze all’assemblea e, non si sa per quale motivo, anche la presenza alla votazione del bilancio. ci sono infatti soggetti di passaggio, partecipanti a qualche commissione oppure “costretti” a farsi vedere, che abbandonano l’assemblea molto prima della votazione, perché non interessati alla lunga spiegazione di politica di categoria, ma che compaiono però presenti al momento del voto.

capita quindi abitualmente che i presenti al momento del voto siano molti meno rispetto a quelli che si sono registrati all’entrata. non dico una bugia se affermo che, alcuni anni, era presente al voto la metà dei registrati. la conta dei voti viene infatti eseguita nel modo seguente ….si prende il numero dei registrati sulla lista, senza eseguire un nuovo appello (risultano quindi presenti anche quelli che non sono più presenti fisicamente in assemblea), poi vengono sottratti i contrari e gli astenuti. quest’anno 2 contrari e 1 astenuto. si attesta quindi che il risultato matematico sia il numero totale dei votanti a favore, ma così non è! quasi sempre i votanti a favore, presenti al momento del voto, sono molti, molti, molti meno dei dichiarati sul verbale.

questo è quanto è capitato quest’anno, per esempio, con il presidente del consiglio di disciplina il quale, dopo essersi registrato all’entrata si è poi assentato prima del voto, ma risulta impropriamente tra coloro che hanno votato a favore (vedi verbale).

sia ben chiaro …fino a che voteremo contro solo in 2, non potrò mai insinuare che le votazioni sono falsate. sarà sempre ovvia la vittoria dei sì a maggioranza, ma andava giustamente raccontata anche questa mancanza gestionale.

detto ciò, faccio seguito al secondo aneddoto capitato in assemblea.

erano presenti, appunto, 5 membri del consiglio di disciplina di cui 1 era il presidente. gli altri 4 erano seduti proprio davanti a me. verso la fine dell’assemblea, vedendo che il presidente del consiglio di disciplina si era assentato, prendono la parola i rimanenti 4 componenti e, scusandosi dell’assenza del presidente, dopo aver raccontato di trovarsi in difficoltà gestionale (me ne sono accorto perché è da un anno che aspetto una risposta ad un quesito), chiedono se mai vi fosse stata la possibilità di percepire un compenso per la loro attività di consiglio, oltre al piccolo rimborso spese già accordato da anni. …pare che i ricorsi presso il consiglio di disciplina siano tremendamente aumentati, molti sono litigi tra colleghi …per motivi di “denaro” (finalmente sono anche riuscito ad avere qualche dato di quello che capita all’interno della “disciplina” ).

il presidente del collegio, scusandosi, ha fatto sapere loro che, come già definito dal legale, non era possibile riconoscere alcunché oltre al rimborso spese (…scusate se ho semplificato la discussione).

essendo l’ultimo argomento trattato, qualche istante dopo c’è stata la votazione e tutti e 4 i membri del consiglio di disciplina rimasti in aula hanno alzato la mano per votare a favore del bilancio.  anzi, tutti e 5….perché risulta appunto che abbia votato a favore anche il presidente, che non era più in aula.

io purtroppo non riesco a stare zitto e, visto che penso, mi sono permesso di fare notare loro alcune enormi contradizioni, nel rispetto, ovviamente, del loro giusto diritto di voto. gli ho detto:

siete soggetti “elitari”, perché facenti parte di un consiglio che, oltre ad esserlo, dovrebbe apparire al di sopra delle parti, nell’intento massimo di espressione etica …..quindi …già potrebbe essere discutibile la vostra presenza durante l’assemblea di bilancio, nella quale si concertano le linee politiche di categoria per le quali, non solo io, lamento enormi mancanze di trasparenza oggettiva, oltre alla mia personale contrarietà, non solo per motivi statutari. volete partecipare? è un vostro sacrosanto diritto, ma almeno astenetevi dal voto. avete fatto una richiesta importante di compenso, per poter garantire il buon funzionamento della vostra commissione? vi è stato detto di no? …ma con quale concetto logico votate pure a favore? ….non voglio permettermi …ma se tutto questo non è sbagliato, mi permetterete almeno di dire che trovo sia illogico?

dei 4 consiglieri 2 sorridevano e annuivano, 1 “non so”, 1 fa ancora fatica a guardarmi in faccia …credo si sia offeso. con 1 di quelli che sorridevano abbiamo poi avuto modo in seguito di parlare a lungo ….

le riflessioni che possono scaturire da questo racconto sono molteplici. mi taccio ….ma voglio ricordare a tutti che l’astensione, o il voto contrario, non è uno “sgarbo all’onore della famiglia” … e sono assolutamente sicuro che non comporterebbe ritorsioni.

 

 

 

verbali assemblee ordinarie bilanci collegio geometri bologna

Verbale 201113

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA 16042014

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA 22 12 2014

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA 23042015

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA 26112015

verbale ASSEMBLEA ORDINARIA 29_04_2016

verbale assemblea ordinaria 25 11 2016

verbale assemblea ordinaria 26042017

verbale assemblea ordinaria 301117 collegio geometri bologna

verbale assemblea ordinaria 270418 collegio geometri bologna

VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA 16 11 2018

 

unico voto sulla scheda elettorale è legittimo

volevo informare prima delle elezioni tutti gli iscritti del mio collegio che, a differenza di quando ancora riportato nel nostro regolamento nazionale, votare un unico nominativo e non una lista, sulla scheda elettorale, era legittimo. io lo sapevo, ne ero certo, ma, per dare chiari riferimenti normativi, ho chiesto in giro. mi hanno dato alcuni riferimenti gli amici geomobilitati, in particolare un caro presidente. sono arrivato ai seguenti richiami e decisioni del cng D. 11/10/88 n°48 – D. 22/04/86 n°35 – R. 11/61 che vengono citati in calce ad vecchissimo testo privato tenuto come una reliquia. volendo approfondire e non trovando un regolamento locale e/o nazionale sulle votazioni di categoria, ho scritto una e-mail in data 26/11/18 al consiglio nazionale geometri chiedendo di avere copia ufficiale del richiamo e delle decisioni citate (forse avevo già scritto anche anni fa). oggi 23/01/19, non avendo ancora ricevuto risposte, ho telefonato al cng. arrivo dopo un paio di passaggi ad un signore che, molto impegnato, trova il tempo e, verbalmente, mi risponde, bontà sua, che gli elementi richiesti sono superati dalla sentenza della cassazione n°18047 del 04/08/2010. se mi rispondi per iscritto preferisco, comprendo che sia più importante la cassazione del consiglio, ma non comprendo il termine legale di “superata” nella fattispecie e, soprattutto, te le chiedo, dammele! esistono benché “superate”, quindi fammene copia, gentilmente.

comunque, se volete la sentenza la trovate in rete si tratta di un esposto di uno iscritto all’ordine dei farmacisti, io non la riporto integrale perché l’ho trovata con richiami a studi specifici e a raccolte private, non vorrei violare qualcosa. …che poi io non debba trovarla facilmente pubblicata dall’ente che l’ha emessa mi fa capire tanto sul concetto di trasparenza e libertà in italia e mi fa riflettere su tutti i soldi spesi per le digitalizzazioni.

riporto la parte importante:

In tema di elezioni vige il generale principio del favor voti, il quale
impone che la manifestazione della volontà, per come emerge dal corpo
della scheda elettorale, debba essere il più possibile conservata, a meno
che non sia violato l’indispensabile requisito di segretezza del voto,
oppure specifiche norme disciplinanti lo scrutinio prevedano la nullità
del voto espresso in maniera difforme da quella prevista. Ne consegue che
il D.Lgs.Lgt. 23 novembre 1944, n. 382, art. 2 (Norme sui Consigli degli
Ordini e Collegi e sulle Commissioni Centrali Professionali), a norma del
quale “i componenti del Consiglio sono eletti dall’assemblea degli
iscritti nell’Albo a maggioranza assoluta di voti segreti per mezzo di
schede contenenti un numero di nomi uguale a quello dei componenti da
eleggersi”, deve essere interpretato nel senso che la scheda conserva la
sua validità anche nel caso in cui contenga un numero di nomi inferiore a
quello dei componenti da eleggere.

ho perso le elezioni 2018 ma esisto e mi faccio sentire

oggi, 19/12/2018, finisce al ballottaggio, con dignità, la mia prima esperienza “elettiva”. purtroppo ho perso. ho dedicato molto tempo e passione, ma non ho evidentemente convinto.

risultati del ballottaggio di martedì 18 dicembre dalle 9 alle 14:30 e mercoledì 19 dicembre 2018 dalle 9 alle 12. votanti: n°146 su 1.360 iscritti. gamberini lia 100 – fantini fabrizio 95 – fornasari pierpaolo  86 (consigliati dalla lista uscente). savini andrea 46 (contro) – (lettera ufficiale) (esiti ballottaggio). un dato si può subito interpretare, nonostante la scarsissima affluenza, 1/3 dei votanti, votando me in prevalenza come unico voto, ha espresso un chiaro voto contrario alla lista storica. questo dato, secondo me, non ha altre interpretazioni.

avevo mandato qualche settimana prima delle elezioni una e-mail( lettera) chiedendo di contattarmi, di aiutarmi, di sostenermi e mi ero offerto di dare copia dei documenti avuti con gli accessi agli atti che avevo ottenuto con fatica. su circa 1360 iscritti, titolari di circa 1900 e-mail che ho raccolto con dedizione facendo copia e incolla dall’albo on-line….

….190 e-mail sono marcate da errore, ossia …. sono quelle dei defunti e dei ritirati albo che non sono stati aggiornati, oltre ad alcune e mail piene che non vengono scaricate da anni e da indirizzi e mail inesistenti, quindi suppongo scritti male anche nell’albo on-line…..

…11 si sono disiscritti dalla mailing list ….

…5 mi hanno segnalato come abusivo (utilizzatore improprio di e-mail altrui).

….su più di 1700 e-mail consegnate sembra ne siano state aperte 550 con probabile certezza. delle altre non si può sapere nulla perchè il server, che mi da il servizio, non ha avuto “segnali” da poter interpretare attività.

questi i risultati della seconda convocazione prima del ballottaggio. questi, i soggetti proposti dalla linea storica, che hanno superato il quorum, BORRI ADRIANO 251,MAGLI MASSIMO 233, PARMEGGIANI GUALTIERO 225, ATTI FABIO 218, DAL BUONO LUCA 214, SALICINI VANNI 207.  questi invece non hanno suparato il quorum, GAMBERINI LIA 196, FANTINI FABRIZIO 188, FORNASARI PIERPAOLO 173. poi ci sono io, contro alla linea storica, SAVINI ANDREA con 65 voti. colui che ha preso più voti 251, è stato sostenuto da circa 4/5 dei votanti, io sono stato sostenuto da 1/5 dei votanti. 

il 13 dicembre 2018 ho inviato una ulteriore e-mail, per il ballottaggio, a tutti gli iscritti, con  video allegato. speravo di smuovere i molti soggetti “contro”, che so essere tanti. ma il loro rifiuto totale li spinge a non venire nemmeno a votare. …. su circa 1360 iscritti, titolari di circa 1750 e-mail di cui alla mailing list di cui sopra aggiornata e pulita, alla quale avevo già cancellato chi non voleva essere disturbato e gli indirizzi con errore….

….22 e-mail (nuove) sono marcate da errore….

… 5 (nuovi) si sono disiscritti dalla mailing list ….

…2 (nuovi) mi hanno segnalato come abusivo (utilizzatore improprio di e-mail altrui).

su 1360 iscritti: nessuno si è interessato alle copie dei documenti della fondazione. solo poco più di “un pugno” mi ha fatto domande sulla fondazione.

mi hanno risposto solo una decina di geometri non conosciuti, più per appoggio, graditissimo, che per voler “fare qualcosa” insieme.

sollecitando telefonicamente ho ricevuto appoggio da circa 15 geometri poco conosciuti. tra loro qualcuno, dopo aver promesso di venire a votarmi, non è venuto. …forse complice la neve e il freddo …o forse altro.

30 o 40 colleghi-amici da sempre, mi hanno sostenuto ed appoggiato. sono certo lo faranno sempre e li ringrazio di cuore, ma il ringraziamento più grande va a chi, poco conosciuto, è venuto a votarmi dalla lontana montagna.

il dispiacere più grande: i tanti amici dei “benemeriti” che, in rassegna tra i saluti e gli auguri, mostravano la lettera ricevuta dalla quale copiare i nomi da votare. tristi segnali di devozione …speriamo almeno portino loro qulacosa di utile.